menu
News

Sanità: nuove procedure per l’accreditamento istituzionale

Il Decreto Assessoriale 2 marzo 2016 n. 319 (G.U.R.S. 25 marzo 2016, n. 13, S.O. n. 2), recepito dalla Circolare n. 14 del 02/07/2018 dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana – DASOE –  Servizio 1 – Accreditamento Istituzionale –  Prot. n. 50673 ha istituito nuovi elementi di verifica per l’accreditamento delle strutture sanitarie regionali.

Si è infatti provveduto ad adottare una nuova approfondita Check-List (Mod. 4A / Mod. 4B) di requisiti generali, organizzativi, strutturali e tecnologici per l’esercizio delle attività sanitarie accreditate, in sostituzione dei criteri precedentemente utilizzati dall’ormai superato Modello 3.1 bis.

Lo scopo

Recependo formalmente l’Intesa Stato-Regioni del 19 febbraio 2015 rep. n. 32/CSR, lo scopo della  nuova Procedura per l’effettuazione delle visite ispettive per l’accertamento e la verifica della conformità ai requisiti necessari per l’autorizzazione sanitaria è definire i criteri, le modalità operative e le responsabilità relative alla programmazione, pianificazione, esecuzione e gestione degli esiti delle visite ispettive presso le strutture sanitarie finalizzate alla verifica di conformità ai requisiti per l’autorizzazione.

Il campo di applicazione

La procedura si applica alle visite ispettive effettuate, per qualsiasi motivo, ai fini della concessione o del rinnovo dell’autorizzazione sanitaria ed alle verifiche periodiche e straordinarie per l’accertamento del mantenimento dei requisiti.

I Dipartimenti di Prevenzione provvederanno, se necessario, ad aggiornare le procedure in uso al fine di renderle coerenti con la procedura adottata con la Direttiva, dando comunicazione al Servizio 1 DASOE dell’avvenuto aggiornamento.

Gli impatti sulle strutture sanitarie interessate

Quanto sopra descritto modifica sensibilmente non soltanto la conduzione delle verifiche da parte degli Ispettori ASP, ma anche la mole di adempimenti documentali ed operativi in capo alle strutture sanitarie interessate.

La nuova Check-List contempla infatti ben 7 criteri di valutazione (Attuazione di un sistema di gestione delle strutture sanitarie; Prestazioni e servizi; Aspetti strutturali; Competenze del personale; Comunicazione;  Appropriatezza clinica e sicurezza;  Processi di miglioramento ed innovazione), suddivisi in distinte Aree di indagine, contenenti specifici requisiti oggetto di verifica (ispettiva dei locali in situ e documentale).

Conclusioni

Nell’intento del legislatore, il mutato approccio dovrebbe garantire che le visite siano condotte con modalità omogenee, affidabili, efficaci, riproducibili, efficienti e trasparenti. Il tutto a benefico dell’utenza, nell’ottica di un innalzamento della qualità della prestazione sanitaria fruita.

Certo, con qualche aggravio in più per gli operatori del settore, dal punto di vista gestionale e documentale…

Per ulteriori informazioni potete consultare il video nell’apposita sezione del nostro sito internet e sul nostro canale Youtube “Certenv Certificazioni” 

Open chat
Powered by