menu
News

HACCP

Certificazione del Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare ISO 22000:2005

 

Che cosa è?

Lo standard ISO 22000 è la norma internazionale di riferimento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Sicurezza Alimentare ed è applicabile a tutte le aziende che operano lungo la filiera agroalimentare, inclusi i produttori, trasformatori, distributori ed utilizzatori di packaging e di materiali e oggetti destinati ad entrare in contatto con alimenti (MOCA), i produttori di detergenti, le imprese di pulizia, le società di disinfestazione o le lavanderie industriali.

 

Come si ottiene?

La certificazione secondo lo standard ISO 22000 si ottiene attuando un metodo di gestione che garantisca la sicurezza agroalimentare “dal campo alla tavola” fondato principalmente sull’adozione dei principi HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) ovvero la metodologia di base per analizzare i potenziali rischi di contaminazione e controllare i processi produttivi critici al fine di garantire la sicurezza dei prodotti destinati al consumo.

Nello specifico tutte le imprese di produzione e distribuzione del settore alimentare che vogliono ottenere questa certificazione devono provvedere a:

  • redigere un Piano di Autocontrollo Alimentare che rispetti i principi del sistema HACCP (Hazard Analysis Critical Control Points ovvero “analisi del pericolo e controllo dei punti critici”) ove vengono descritte tutte le attività di controllo e monitoraggio durante la lavorazione dei prodotti e le accortezze necessarie per prevenire pericoli di contaminazione di natura biologica, chimica o fisica

  • elaborare e compilare un Registro di Autocontrollo ovvero un vero e proprio “diario di bordo” nel quale ogni operatore del settore alimentare è obbligato ad annotare tutti i controlli periodici effettuati lungo la filiera produttiva e ciò che può influenzare, direttamente o indirettamente, la salubrità degli alimenti. Nel registro sono previste pagine specifiche per i controlli da eseguire giornalmente (sulle merci in arrivo, sulle operazioni di pulizia, sui frigoriferi) e per quelli a periodicità più lunga (formazione, dotazioni e igiene del personale preposto)

  • la formazione di tutti gli operatori del settore alimentare (OSA) in materia di igiene e sicurezza degli alimenti.                                                                                                            Per partecipare ai nostri corsi per alimentaristi clicca qui.

 

Che scadenza ha?

La validità della certificazione è triennale ma il suo mantenimento è subordinato a verifiche di sorveglianza svolte dall’organismo di certificazione ogni 12 mesi dalla data del primo audit di certificazione, pena l’annullamento e il ritiro del certificato stesso.

 

È obbligatoria?

La certificazione non è obbligatoria ma in alcune circostanze (partecipazione a gare d’appalto) viene riconosciuta come requisito preferenziale. In linea generale, certificarsi è una scelta volontaria ma in questo modo l’azienda manifesta l’impegno profuso nella tutela della salute dei consumatori.

 

Quali sono i vantaggi?

Il vantaggio della certificazione ISO 22000 è senza dubbio il miglioramento tangibile e dimostrabile delle performance in ambito di sicurezza agroalimentare e la maggiore garanzia di conformità alle normative di settore.

L’applicazione della norma ISO 22000 consente, infatti, alle aziende di comprendere e identificare i rischi effettivi ai quali sono potenzialmente esposti sia l’azienda sia i consumatori.

 

Quali sono i costi e le tempistiche?

La valutazione dei costi e delle tempistiche necessarie all’ottenimento della certificazione da parte di un’azienda è possibile solo attraverso la rilevazione di una serie di dati aziendali. Tale valutazione dipende infatti da una serie di fattori tra cui la tipologia di settore, le dimensioni aziendali in termini di siti produttivi e numero dipendenti, il numero di attività da certificare, ecc.

Per ricevere un preventivo dettagliato clicca qui